Ti lascio perché ti amo troppo

Ti ricordo per intero. Mi ricordo del mio corpo che sprofonda e riemerge per scelta sua e tua. Ricordo il freddo iniziale, il tuffo sbruffone, il movimento delle gambe, dei piedi, delle braccia e delle mie mani che si illudevano di poter spostare parti di te. Ricordo papà che mi insegna a galleggiare come se saper galleggiare in acqua sia un buon punto di partenza per galleggiare nella vita di tutti i giorni. Mi ricordo leggera, consapevole di poter riprendere il controllo in qualsiasi momento. Tutto quello che avevo intorno scompariva nel suono ovattato portandosi dietro i miei pensieri. Ricordo mio nonno in costume e mocassini – per non farsi male sulle pietre – che corre per tuffarsi dopo tempo passato senza toccarti. Ricordo i giochi, miei tuffi, i polpastrelli delle mani rattrappiti. Mamma sdraiata a prendere il sole che dorme. Le mie zie che giocano a carte fino a quando non riescono più a vedere. I miei cugini più piccoli, posso vederli ancora lì, che si tuffano sulla riva, che cercano di far ribalzare le pietre su di te. Ricordo le gare di apnea con mia sorella. Ricordo la pelle salata e calda.

Però ricordo anche i miei polpacci che mi fanno sprofondare nella sabbia, che non mi fanno uscire dall’acqua. Ricordo di quando sei diventato più forte di me anche da calmo e piatto. Da pesce sono diventata alga. Tu mi vinci e io non voglio, mi sdraiavo su di te perché sapevo di potermi rimettermi in piedi. Ora no!

Ho tutto quello che mi hai lasciato, infilato nel petto così in profondità che se ti guardo provo felicità e dolore. E se non ti vedo “ti vengo a cercare”. Ti cerco in quel corpo che non ho più, in tutti quei “Non posso!”.

Ho deciso di non volerti più se non posso averti come voglio.

5 pensieri riguardo “Ti lascio perché ti amo troppo

  1. La mancanza di salute e la disabilità non sono mai una buona ragione per escludere o, peggio, per eliminare una persona; e la più grave privazione che le persone subiscono non è l’indebolimento dell’organismo e la disabilità che ne può conseguire, ma l’abbandono, l’esclusione, la privazione di amore.

    Mi piace

  2. Ciao Fede la tua vita da tempo ho superato lo spartiacque . Hai imboccato un modo di vivere la vita completamente diverso non voluto ma ereditato. Sei lucida e consapevole di tutto forse la certezza ti lascia un poco di lasco…. in qualsiasi caso hai grandi valori e ricordi che ti tengono qui nel presente. Ti auguro di vivere la tua vita al meglio , la tua vita è diversa e difficile ma una vita va vissuta non solo per te ma per tutti quelli che ti conoscono e ti sono vicini.
    La tua e non solo è una grande eredità.
    Ciao Mauro

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...