Derry Girls

Io e il binge-watching siamo amici fraterni, passiamo molto tempo insieme un po’ per volontà e un po’ per necessità. Devo quindi sfogarmi in qualche modo. In cerca di una nuova serie tv da guardare che potesse farmi mettere da parte il sangue e i salti temporali, che fanno crescere i bambini ma non invecchiare gli adulti, di Vikings, ho deciso di iniziare Derry Girls. Sitcom del 2018 orinale Netflix, scritta da Lina McGee di Derry Girls abbiamo solo la prima stagione composta da 6 puntate della durata di circa 20 minuti ciascuna. La serie è in lingua originale e credo sia giusto così, rende decisamente meglio e inoltre permette di cogliere meglio il contrasto tra irlandesi e inglesi, capirete perchè. Derry Girls mi tentava già da qualche giorno e come Oscar Wilde raccomandava: ho ceduto!

«Il mio nome è Erin Quinn, ho 16 anni e vengo da un posto chiamato Derry. O Londonderry, dipende dalle vostre convinzioni. Un angolino problematico del nordovest dell’Irlanda.» 

Sono queste le prime battute della prima puntata e che Derry sia una cittadina problematica vi sarà chiaro da subito. Sì perché le disavventure di Erin Quinn e del resto della sua comitiva si svolgono nei primi anni novanta del XX secolo – azzarderei 1993 – negli ultimi anni del conflitto nordirlandese cominciato negli sessanta, dopo le proteste della oppressa minoranza cattolica. Tra i tanti episodi di sangue degli anni sessanta il più feroce fu forse la Battaglia di Bogside, un distretto di Londonderry, nel 1969: da questa data le truppe britanniche si stanziarono nell’Ulster per controllare il territorio. (per chi fosse interessato qui potete trovare informazioni dettagliate sui fatti: http://www.instoria.it/home/storia_questione_irlandese.htm).

La sitcom viaggia su due piani diversi: la storia e l’adolescenza di Erin, Orla, Clare, Michelle e James. Per loro è normale camminare in mezzo a soldati, svegliarsi la mattina con in sottofondo il telegiornale che annuncia bombe inesplose e esplose. Così normale che lo diventa anche per noi, e le loro disavventure sono in grado di distrarci. L’unica cosa che sembra interessare loro è quello che interessa alla maggioranza degli adolescenti: sopravvivere all’adolescenza.

Loro non sono quelli fighi ma secondo me non sono neanche gli sfigati. Frequentano una scuola cattolica femminile, sì anche James che viene preso in giro perché inglese soprattutto dalla cugina Michelle, la quale usa consapevolmente “fuck” come intercalare. Erin invece è troppo razionale, e le sue espressioni facciali valgono tanto quanto le sue parole. Orla, la cugina di Erin, è perennemente in un mondo tutto suo. Clare invece è l’intellettuale dedita, più o meno, al volontariato. Non bisogna sottovalutare anche la famiglia di Erin, ma credo che uno dei migliori personaggi sia Sister Michael, la apatica direttrice della scuola che vive i suoi doveri e la sua fede con la stessa euforia con la quale io mi alzo la mattina in piano inverno.

Quindi umilmente ve la consiglio, vedere per credere!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...